MiSE – Progetti Ricerca e Sviluppo settore aerospaziale


Ministero dello Sviluppo Economico – Finanziamenti per progetti di ricerca e sviluppo nel settore civile aerospaziale

TIPOLOGIA: Bando – Decreto Direttoriale MiSE del 25/06/2019

 

OGGETTO

Con il Decreto Ministeriale 20 febbraio 2019 decreto sono stati definiti i criteri e le modalità di concessione ed erogazione dei finanziamenti per i progetti di ricerca e sviluppo nel settore aerospaziale al fine di consolidare e accrescere il patrimonio tecnologico nazionale e la competitività del sistema produttivo del settore.

Il Bando in oggetto è in prima attuazione del precedente DM istitutivo.

Sono ammissibili ai finanziamenti i progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nel settore aerospaziale, caratterizzati da sostanziali innovazioni di prodotto, riferiti alle seguenti aree tecnologiche:

  1. Velivoli ad ala rotante;
  2. Velivoli ad ala fissa:
  3. Velivoli a pilotaggio remoto anche di impiego duale;
  4. Aerostrutture;
  5. Componenti e sistemi di propulsione per il settore aeronautico e/o aerospaziale;
  6. Tecnologie e architetture abilitanti la implementazione della propulsione ibrida-elettrica su velivoli;
  7. Sistemi di comunicazione e di osservazione, anche di impiego duale.

 

SOGGETTI AMMESSI

Possono beneficiare delle agevolazioni del Bando le imprese che svolgono prevalentemente attività industriale nel settore aerospaziale.

Sono considerate in possesso del requisito le imprese che nei due esercizi antecedenti la presentazione della domanda abbiano avuto un fatturato medio di almeno il 60% per le grandi imprese ovvero di almeno il 25% per le PMI, da attività di progettazione, costruzione, trasformazione e manutenzione di aeromobili, motori, sistemi ed equipaggiamenti aerospaziali, meccanici ed elettronici.

Le imprese possono presentare i progetti anche congiuntamente fra loro. In tal caso, i progetti devono essere realizzati mediante il ricorso al contratto di rete o ad altre forme di collaborazione effettiva e coerente rispetto all’articolazione e agli obiettivi del progetto. Le imprese associate, di cui le PMI devono essere almeno il 60%, non possono essere in numero superiore a 5.

 

DURATA

I progetti devono avere una durata non inferiore a 2 e non superiore a 5 anni. I progetti devono essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di finanziamento e, comunque, pena la revoca, non oltre 3 mesi dalla data del decreto di concessione.

 

SPESE AMMISSIBILI

Non sono ammessi al finanziamento progetti comportanti costi/spese, riconosciuti ammissibili, inferiori a:

  • 1 milione € se presentati da singole imprese

o a

  • 2 milioni € se presentati da imprese associate.

Non possono essere presentati progetti comportanti spese superiori a 60 milioni di euro.

Sono ammissibili al finanziamento i costi/spese di realizzazione dei progetti relativi a:

  • Personale dipendente e non dipendente
  • Strumentazioni e attrezzature
  • Servizi di consulenza
  • Materiali
  • Spese generali

 

CONTRIBUTO

I finanziamenti agevolati (a tasso zero) sono concessi nella misura massima del 70% delle spese/costi del progetto per le grandi imprese, e dell’85% per le PMI, fermo restando il rispetto dei massimali ESL previsti dal Regolamento (UE) N. 651/2014.

Nel caso di progetti realizzati da più imprese in forma associata, le percentuali sono aumentate del 5% per le grandi imprese e del 10% per le PMI, a condizione che nessuna impresa sostenga da sola più dell’70% dei costi del progetto.

I finanziamenti agevolati sono restituiti nella misura dell’80% dell’importo erogato per le grandi imprese e del 70% per le PMI, in 10 quote annuali costanti con decorrenza dall’anno successivo all’erogazione a saldo del finanziamento. Fermo restando il rispetto dei limiti delle intensità massime previste dalla disciplina comunitaria in materia di aiuti alla ricerca, sviluppo e innovazione, l’importo del finanziamento da rimborsare può essere ridotto nella misura del 3% per ogni anno di riduzione del periodo di restituzione e, comunque, nel limite massimo del 15%.

 

TERMINI

Apertura: 1° luglio 2019

Chiusura: 30 ottobre 2019

Le domande di finanziamento devono essere presentate, con allegata la documentazione prevista, via PEC.

I progetti sono sottoposti alla valutazione e al parere del Comitato per lo sviluppo dell’industria aeronautica di cui all’art. 2 della legge n. 808 del 1985, ai fini della concessione dei finanziamenti.