CCIAA Reggio Emilia: Bando Attrattività 2015 (scaduto)

cciaa_reggio_emilia

bando aperto Bando per l’attrazione e lo sviluppo di nuove attività produttive – Anno 2015

TIPOLOGIA: bando

SCADUTO

finalità

OGGETTO

Verranno ammessi interventi che rispettino TUTTE le condizioni seguenti:

  • l’apertura di una nuova unità locale o l’insediamento (per trasferimento sede legale) sul territorio della provincia di Reggio Emilia, ovvero la rilocalizzazione dall’estero o dal territorio nazionale (esclusa la provincia di Reggio Emilia) di una unità locale nella provincia di Reggio Emilia,
  • la realizzazione di un investimento produttivo di beni o servizi
  • un incremento occupazionale non inferiore a 5 addetti. L’occupazione minima richiesta deve essere mantenuta per almeno 3 anni dalla conclusione dell’investimento.
soggetti ammessi SOGGETTI AMMESSI

I soggetti ammissibili sono PMI e Grandi Imprese manifatturiere (sezione C – Ateco 2007), costituite sotto forma di società di capitale o di persone che al momento della domanda:

  • non abbiano sede legale, sedi secondarie e/o unità locali proprie o di società controllate nella provincia di Reggio Emilia; salvo in caso di rilocalizzazione* di unità locali;
  • siano in attività, comprovata dalla iscrizione nel Registro imprese/REA territorialmente competente;
  • abbiano chiuso un bilancio almeno in pareggio per almeno 2 esercizi consecutivi.
*Per rilocalizzazione di unità locali si intendono imprese reggiane che riportano unità locali precedentemente collocate fuori dalla provincia di Reggio Emilia all’interno della provincia.

SOGGETTI NON AMMESSI

Sono escluse le imprese individuali, i professionisti (anche se riuniti in società) ed i titolari di partita IVA.

DURATA

Le spese sono ammissibili a partire dal 1 aprile 2015 e fino al 31 dicembre 2016.

SPESE AMMISSIBILI

L’investimento minimo ammissibile è pari a 60.000 €. Sono ammesse ad agevolazione le tipologie di spese seguenti:

  1. Acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività gestionale dell’impresa (esclusi quelli di rappresentanza), mezzi mobili strettamente necessari al ciclo di produzione, identificabili singolarmente ed al servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni, anche tramite locazione finanziaria, contenente esplicita clausola di riscatto;
  2. Spese per consulenze tecniche/tecnologiche specifiche rispetto alla produzione, ammissibili solo fino al 10% dell’investimento complessivo ammissibile;
  3. Software e programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati per l’attività svolta nell’unità produttiva interessata dal programma; tali spese sono ammissibili solo fino al 20% dell’investimento complessivo ammissibile;
  4. Spese esterne di pubblicità e marketing (con esclusione delle spese di rappresentanza: realizzazione biglietti da visita, sponsorizzazioni, organizzazione di convegni ed eventi): tali spese sono ammissibili solo fino al 10% dell’investimento complessivo ammissibile;
  5. Spese per materie prime e semilavorati destinati alla produzione (escluse le merci destinate alla vendita).
DOTAZIONE

Le risorse stanziate sono pari a 200.000 €

contributo

CONTRIBUTO

Le agevolazioni sono concesse secondo il regime de minimis, che comporta che l’importo complessivo deli aiuti ad una medesima impresa, congiuntamente con altre imprese eventualmente collegate (impresa unica), non debba superare i 200.000 € nell’arco di tre esercizi finanziari.

Il contributo riconoscibile è pari al 50% dell’importo complessivo delle spese ammesse ed effettivamente sostenute per la realizzazione del progetto fino al valore massimo di contributo pari a 100.000 €.

VALUTAZIONE

I progetti saranno valutati da una Commissione secondo i seguenti criteri:

  • Ricevibilità
  • Ammissibilità del soggetto
  • Ammissibilità del progetto:
    • Fattibilità tecnica ed economica dell’investimento: punteggio max 20
    • Cantierabilità del progetto, titoli di disponibilità, iter autorizzativo: punteggio max 20
    • Sostenibilità ambientale e socio-economica del progetto di insediamento: punteggio max 20
    • Compatibilità rispetto alla normativa in materia di lavoro, di salute e sicurezza, tutela ambientale, il rispetto delle politiche di pari opportunità e non discriminazione: punteggio max 15
    • Congruità e pertinenza dei costi e dei tempi indicati per la realizzazione del progetto: punteggio max 15
    • Ricadute del progetto sul sistema economico-produttivo locale o regionale: punteggio max 15
    • Capacità finanziaria del soggetto realizzatore e sostenibilità finanziaria dell’investimento: punteggio max 15

Saranno ritenuti ammissibili a contributo solamente i progetti che avranno totalizzato un punteggio pari ad almeno 75 (soglia minima di ammissione a contributo).

TERMINI

apertura: 1 giugno 2015
scadenza: 30 ottobre 2015

PROCEDURA

Le domande di contributo devono essere presentate in via telematica con firma digitale presso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov.

[attachments template=custom include=”6039″]

[poppy type=”button” class=”btn-info”]Ha trovato questo articolo di suo interesse e desidera maggiori informazioni?[/poppy]