Horizon 2020 – H2020-BBI-PPP-2015-1-1 – Bioindustrie (scaduto)

Horizon 2020

bando aperto Horizon 2020 – H2020-BBI-PPP-2015-1-1 – Partenariato pubblico-privato per le Bioindustrie

TIPOLOGIA: bando in fase unica

SCADUTO

OGGETTO
Programma: Sfide Sociali
Tema: Partenariato pubblico-privato per le Bioindustrie
Azione: IA (Azioni Innovative)
Partner: almeno 3 soggetti giuridici, indipendenti tra loro, di 3 differenti Stati Membri UE o Associati.
Budget per progetto: circa 35 Milioni €
Topics:BBI.VC1.F1: Da materie prime lignocellulosiche a prodotti bio-chimici avanzati, materiali o etanolo Dimostrazione della fattibilità tecnico-economica della trasformazione di una o più materie prime lignocellulosiche in uno dei seguenti prodotti / applicazioni bio:

  1. bioetanolo che punti ad una capacità di produzione di almeno 50.000 t./anno. Le proposte devono riguardare la valorizzazione dei co-prodotti e mostrare un percorso credibile nel divenire un concetto di bioraffineria integrata mediante l’applicazione di un approccio a cascata.
  2. dioli e/o diacidi come mattoni chimici a base biologica che puntino ad una capacità di produzione di almeno 5000 t./anno. Le proposte devono riguardare la loro ulteriore conversione in biomateriali sostenibili all’interno di un concetto di bioraffineria integrata applicando un approccio a cascata.

BBI.VC2.F2: Valorizzazione della cellulosa in nuovi prodotti a valore aggiunto

Dimostrazione della fattibilità tecnico-economica per un concetto di bioraffinerie che portino a nuovi prodotti a base di cellulosa con funzionalità personalizzate in una delle seguenti applicazioni:

  1. Additivi a base cellulosa microfibrillare (MFC) che forniscano proprietà avanzate come il controllo di reologia, barriera e proprietà di resistenza agli stabilizzanti di emulsioni e dispersioni, viscosizzanti biodegradabili, addensanti industriali in colle, vernici, paste e fanghi e molte altre nuove applicazioni. Le proposte dovrebbero realizzare un processo su scala industriale per produrre MFC in quantità adeguate, per almeno 1000 t./anno di prodotti basati su MFC con un’efficienza ottimizzata in termini di prestazioni, volume di produzione e requisiti energetici in modo da consentire un prezzo adeguato per una significativa produzione industriale;
  2. Compositi strutturali leggeri a base di (bio o convenzionali) polimeri rinforzati con fibre di pasta di cellulosa. Le proposte devono affrontare la sfida tecnologica rappresentata dalle diverse polarità e viscosità tra la cellulosa e la matrice. Le proposte dovrebbero realizzare un processo su scala industriale di almeno 25000 t./anno di materiali compositi, che possano essere convertiti con processi stabiliti utilizzandoli in applicazioni quantitativamente elevate, in particolare lo stampaggio ad iniezione. L’applicazione dei compositi sviluppati dovrebbe essere dimostrata fino ai prodotti finali nei mercati come elementi strutturali per l’industria automobilistica e per l’edilizia, o per i prodotti elettronici o elettrodomestici.

BBI.VC4.F3: Processi innovativi per il recupero dello zucchero e la conversione da Rifiuti Solidi Urbani (RSU)

Dimostrazione della fattibilità tecnico-economica della valorizzazione della frazione biodegradabile dei rifiuti solidi urbani dall’estrazione e la gestione dei rifiuti solidi urbani alla sua conversione. Le proposte devono affrontare il pre-trattamento e/o frazionamento della frazione biodegradabile dei rifiuti solidi urbani in un substrato adatto per successiva conversione biotecnologica in prodotti finali derivati dallo zucchero, ad esempio bioetanolo, biochimici e bioplastiche in un approccio a cascata.

DURATA

Indicativamente tra i 24 e i 48 mesi.

DOTAZIONE
Le risorse disponibili ammontano a 100 Milioni €

TERMINI

Pubblicazione: 19 maggio 2015
Scadenza: 15 settembre ore 17:00

PROCEDURA
Deve essere presentato un progetto, seguendo il template fornito dal Participant Portal, per una lunghezza massima di circa 70 pagine.