Horizon 2020 – H2020-SMEINST-2016-2017 – Strumento PMI fase 2

Horizon 2020

bando aperto Horizon 2020 – H2020-SMEINST-2016-2017 – Strumento dedicato alle PMI – Fase 2
TIPOLOGIA: bando
OGGETTO
Programma: Strumento PMI FASE 2
Tema: Innovazione nelle PMI
Partner: 1 solo soggetto giuridico stabilito in uno Stato membro o in un Paese Associato, eventualmente in associazione con altri partner di singole imprese.
Finanziamento: fino al 70% (in via eccezionale, fino al 100% laddove la componente di ricerca sia fortemente presente).
Budget per progetto: tra 0,5 e 2,5 Milioni €
Saranno supportati progetti di innovazione che affrontino un problema specifico e dimostrino un elevato potenziale in termini di competitività aziendale e crescita, sostenute da un piano strategico di business. Le attività dovrebbero focalizzarsi sulle attività di innovazione come ad esempio la dimostrazione, il testing, la prototipazione, la sperimentazione, lo scale-up, la miniaturizzazione, la progettazione, la replica sul mercato, che mirino a portare l’idea innovativa (prodotto, processo, servizio, etc.) pronta ad essere industrializzata e la rendano matura per l’introduzione sul mercato, eventualmente includendo una quota di ricerca.Con “innovazione tecnologica” si configura un Technology Readiness Levels 6 o superiore (o similare, per innovazioni non tecnologiche). Le proposte si fonderanno su un business plan strategico, che sia stato sviluppato o durante la Fase 1 o con altri sistemi. Si deve prestare particolare attenzione alla protezione della proprietà intellettuale; i candidati dovranno presentare misure convincenti che assicurino la possibilità di uno sfruttamento commerciale.Le proposte dovranno contenere una descrizione dettagliata degli esiti del progetto e i suoi criteri di successo. Includeranno una spiegazione su come i risultati dei progetti supportati verranno commercializzati e che tipo di impatto sia atteso dall’impresa.TOPICSSMEInst-02-2016-2017 Accelerare l’adozione delle nanotecnologie avanzate materiale o di fabbricazione e produzione di tecnologie avanzate da parte delle PMI

I risultati della ricerca dovrebbero essere assorbiti dall’industria, sfruttando le potenzialità finora inespresse delle nanotecnologie, dei materiali avanzati e delle tecnologie di produzione e di lavorazione avanzate. L’obiettivo è quello di creare valore aggiunto unendo creativamente i risultati della ricerca esistenti con altri elementi necessari [http://ec.europa.eu/enterprise/policies/innovation/files/swd-2012-458_en.pdf] per trasferire i risultati in tutti i settori ove siano applicabili, per accelerare l’innovazione e, infine, creare profitto o altri benefici. La ricerca dovrebbe portare la tecnologia e la produzione industriale al livello di maturità per la commercializzazione dopo il progetto.

SMEInst-03-2016-2017 Supporto dedicato alle PMI biotecnologiche per colmare il divario dal laboratorio al mercato

Il gran numero di PMI che caratterizzano il settore delle biotecnologie UE stanno giocando un ruolo cruciale nella spinta verso processi a base biotecnologica competitivi e sostenibili. Queste PMI sono caratterizzate dalla loro intensità nella ricerca e dai tempi lunghi tra l’inizio dello sviluppo tecnologico e l’introduzione sul mercato. Esse hanno quindi bisogno di essere sostenute per superare la cosiddetta “death valley”.

SMEInst-04-2016-2017 Coinvolgere le PMI in attività di ricerca e sviluppo nello spazio

Coinvolgere le PMI in attività di ricerca e sviluppo nello spazio, in particolare quelle tradizionalmente non coinvolte in essa e ridurre il più possibile le barriere di accesso delle PMI ai finanziamenti di Horizon2020. Le azioni di cui al presente argomento potrebbero riguardare qualsiasi aspetto del Specific Programme per lo spazio (Horizon 2020 Framework Programme and Specific Programme). Tuttavia , si ritiene che le azioni in materia di applicazioni, soprattutto in relazione ai programmi faro Galileo e Copernico, spinning – in ( cioè l’applicazione di soluzioni terrestri alle sfide nello spazio ) e lo sviluppo di alcune tecnologie critiche potrebbero essere adeguatamente adatti per questa call.

SMEInst-05-2016-2017 Sostenere le PMI innovative nel settore delle biotecnologie sanitarie

Budget per topic: tra 1 e 5 Milioni

Il settore delle biotecnologie sanitarie offre enormi opportunità commerciali e di business; tuttavia richiede anche pesanti e rischiosi investimenti che spesso mancano in Europa, ostacolando lo sviluppo del settore.

La sfida include:

  1. a) Le tecnologie cellulari in applicazioni mediche (tutte le scadenze di fase 1 e la fase 2 nel 2016 e 2017)

Le tecnologie cellulari includono la produzione di cellule (cultura, moltiplicazione, scale-up e automazione), conservazione, settore bancario e trasporti; identificazione, separazione delle cellule e la consegna, l’imaging, il monitoraggio, processo e controllo della qualità; l’ingegneria genetica e la modifica del gene; produzione di biomolecole terapeutiche. Le applicazioni mediche delle tecnologie cellulari comprendono diagnostica e biosensori; terapia genetica e cellulare, ingegneria dei tessuti, organi bio-artificiali, ematologia, immunoterapia, vaccini e produzione di anticorpi; tossicologia predittiva, biologia sintetica e modellazione dei processi di sviluppo e di malattia.

Tuttavia, la diversità, la complessità e la variabilità delle cellule viventi pongono sfide per portare prodotti sicuri, affidabili e di regolamentazione conformi e convenienti per il mercato e per il paziente. Le PMI che sviluppano prodotti e processi basati sulle cellule hanno limitate finanziarie per poter prendere le misure fondamentali per passare dalla verifica teorica all’applicazione pratica e allo stesso tempo affrontare considerazioni come scale-up / scale-out, automazione, logistica, percorsi normativi e modelli di business.

Particolare attenzione dovrebbe essere data al dialogo con le autorità di regolamentazione e alla conformità con i requisiti di sicurezza e normativi, come quelli relativi all’approvvigionamento di cellule, GMP, etica, studi clinici, medicinali per terapie avanzate e dispositivi medici.

La sfida si rivolge a cellule provenienti da qualsiasi fonte eucariotica se la loro eventuale applicazione deve essere quella di medicina umana.

O:

  1. b) La ricerca clinica per la validazione di biomarcatori e / o dispositivi medico-diagnostici (solo alla prima data limite nel 2017 e per 2 applicazioni di fase – eliminazione graduale del tema PHC-12-2014 / 2015 introdotto nel programma di lavoro 2014 -2015)

I biomarcatori sono utilizzati nella pratica clinica per indicare condizioni normali e patologiche. Essi sono utilizzati anche a fini predittivi e prognostici. Essi sono sempre più utilizzati in medicina e molti potenziali nuovi biomarcatori vengono proposti ogni anno. Tuttavia, solo alcuni di questi sono stati approvati per l’uso clinico. Per ottenere la convalida è necessario un metodo analitico robusto e deve essere dimostrato un collegamento a un processo clinico pertinente o finale.

Questo processo di convalida dovrebbe fornire elementi di prova per il alto valore analitico, la sensibilità e la specificità del caso e la validità clinica. Particolare attenzione dovrebbe essere data alla validazione dei biomarcatori con un potenziale di rapida diffusione nella pratica clinica. Sono ammissibili potenziali biomarcatori sia in vivo che in vitro potenziali. La priorità è data alla validazione di biomarcatori correlati alla malattia (ad esempio diagnostica, suscettibilità / rischio, monitoraggio e biomarcatori prognostici). Può essere supportata la validazione della prestazione clinica di nuovi dispositivi diagnostici, sia in combinazione con la convalida del biomarcatore o in contrasto con gli standard esistenti.

SMEInst-06-2016-2017 Accelerare l’introduzione sul mercato di soluzioni ICT per la salute, il benessere e l’ invecchiare bene

La sfida è contribuire al superamento delle attuali lacune nello sfruttamento dei promettenti risultati della ricerca nel settore ICT per la Salute, il Benessere e l’invecchiare bene e stimolare una maggiore disponibilità e diffusione nel mercato dei rilevanti prodotti e servizi ICT.

Questo riguarda soluzioni sicure e interoperabili in eHealth [eHealth in Agenda Digitale, vedere http://ec.europa.eu/digital-agenda/ehealth; Progetti eHealth – Ricerca e innovazione nel campo delle ICT per la salute e il benessere: una visione d’insieme, vedere https://ec.europa.eu/digital-agenda/en/news/ehealth-projects-research-and-innovation-field-ict-health-and-wellbeing-overview] per consumatori e fornitura istituzionale di cura della salute, costruendo standard e nuove soluzioni ICT e ecosistemi di innovazione per invecchiare bene costruendo piattaforme open software [una piattaforma aperta descrive un sistema di software che è basato su standard “aperti”, come interfacce esterne di applicazione di programmazione (API) pubblicate e pienamente documentate che permettono di usare il software affinchè funzioni in modi diversi da quelli intesi dal programmatore originale, senza richiedere modifiche del codice sorgente. Usando queste interfacce, una terza parte potrebbe integrare all’interno della piattaforma per aggiungere funzionalità. L’opposto è una piattaforma “chiusa”. Una piattaforma aperta non significa che è open source, tuttavia la maggior parte delle piattaforme aperte ha molteplici implementazioni di API], per permettere la fornitura di nuove e più efficienti soluzioni ai cittadini europei e per rispondere a nuove opportunità di mercato per le PMI.

Particolare attenzione dovrebbe essere data al dirompente potenziale di innovazione e al mercato in forte crescita del settore ICT per la Salute, il Benessere e l’Invecchiare Bene. In particolare sarà interessante per le PMI e le giovani aziende che sono alla ricerca di un sostegno rapido alle loro idee innovative.

SMEInst-07-2016-2017 Stimolare il potenziale di innovazione delle PMI per un’agricoltura sostenibile e competitiva , la silvicoltura, agroalimentare e settori a base biologica

Le PMI possono giocare un ruolo cruciale nel sviluppare soluzioni efficienti dal punto di vista del consumo di risorse e efficaci dal punto di vista dei costi, per assicurare sufficienti approvvigionamenti di cibo sano, sicuro e di alta qualità e altri prodotti biologici, attraverso lo sviluppo di sistemi di produzione primari produttivi, sostenibili e efficienti nel consumo di risorse, favorendo i relativi servizi ecosistemici e recuperando la diversità biologica, parallelamente ad approvvigionamento, processi di trasformazione e commercializzazione competitive e a bassa emissione di carbonio.Le azioni a questo riguardo ci si aspetta che contribuiscano a una sola o a una combinazione di svariate sfide individuate dalla Societal Challenge 2 di Horizon 2020 con un occhio di riguardo alla risorse terrestri (cioè 2.1 ‘Agricoltura e silvicoltura sostenibili’, 2.2 ‘Settore agroalimentare sostenibile e competitivo per una dieta sana e sicura’ e 2.4′ Bioindustrie competitive e sostenibili e supporto allo sviluppo di una bioeconomia europea’). Particolare attenzione dovrebbe essere data a:

·         Innovazioni che permettano di avanzare nella Gestione integrata dei pesticidi

·         Produzione e trasformazione efficiente ed eco-innovativa delle risorse alimentari

·         Riduzione delle perdite alimentari e dei rifiuti in azienda e lungo la catena di valore

·         Creazione di valore aggiunto a partire da rifiuti e dai sottoprodotti generati in azienda e lungo la catena di valore

SMEInst-08-2016-2017 Sostenere gli sforzi delle PMI nello sviluppo, la distribuzione e la replica sul mercato di soluzioni innovative per la crescita blu

Il potenziale di oceani, mari e coste europee è significativo per la creazione di posti di lavoro e crescita, se gli investimenti adeguati sono effettuati in ricerca e innovazione. Il contributo delle PMI allo sviluppo della ‘Blue Growth Strategy’ (COM (2012) 494) può essere significativo in particolare nei settori delle biotecnologie marine, la pesca, l’acquacoltura marina e di acqua dolce (inclusa la produzione e la lavorazione di alimentari e cibo).

Tuttavia, uno degli ostacoli più importanti per lo sviluppo delle attività economiche marittime innovative è la mancanza di accesso a capitali per PMI al fine di sviluppare idee innovative ad alto potenziale ma anche ad alto rischio e di avvicinarle al mercato. Lo strumento SME offre sostegno finanziario alle PMI con una dimensione europea in modo che possano presentare le loro idee più innovative nei citati settori marittimi e della pesca / dell’acquacoltura, con una particolare attenzione alle soluzioni close- to-market e il potenziale di crescita elevata e l’internazionalizzazione.

SMEInst-09-2016-2017 Stimolare il potenziale innovativo delle PMI per un sistema energetico efficiente e basse emissioni di carbonio

Le PMI svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo di soluzioni tecnologiche economicamente vantaggiose e convenienti nell’uso efficiente delle risorse per decarbonizzare e rendere più efficiente il sistema energetico in modo sostenibile. Le PMI sono tenute a contribuire fortemente a tutte le sfide delineate nel programma Horizon 2020 “Energia sicura, pulita ed efficiente”, in particolare per quanto riguarda

  • Ridurre il consumo energetico e le emissioni di anidride carbonica con un uso intelligente e sostenibile (compresi i prodotti e servizi ad alta efficienza energetica, così come nelle “Smart Cities and Communities”);
  • Fornitura di energia elettrica a basso tenore di carbonio e a basso costo (compresa l’energia da fonti rinnovabili, nonché CCS e riutilizzo);
  • Carburanti alternativi e fonti energetiche mobili;
  • Un’unica e intelligente rete europea di elettricità;
  • Nuove conoscenze e tecnologie, eProcesso decisionale e impegno pubblico.

SMEInst-10-2016-2017 Ricerca innovativa di piccole imprese per i Trasporti e la mobilità delle Smart Cities

Il settore europeo dei trasporti deve avere la capacità di fornire i prodotti e servizi migliori, in un tempo e modo economicamente efficiente, al fine di preservare la propria leadership e creare nuovi posti di lavoro, nonché per affrontare le sfide all’ambiente e alla mobilità. Il ruolo delle PMI per affrontare queste sfide è fondamentale in quanto sono attori chiave nelle catene di fornitura. E’ di fondamentale importanza migliorare il coinvolgimento degli attori più deboli nelle attività di innovazione nonché per facilitare l’avvio e la nascita di nuove PMI ad alta tecnologia.

Le PMI sono fondamentali per fornire le innovazioni necessarie ad una maggiore mobilità sostenibile e più intelligente, per migliorare l’accessibilità e la logistica al servizio di imprese e cittadini, e quindi verso una maggiore crescita economica, in un contesto in cui la maggioranza della popolazione vive in città e aree urbanizzate. Azioni per lo sviluppo di nuovi servizi, prodotti, processi, tecnologie, sistemi e loro combinazioni che contribuiscano al raggiungimento degli obiettivi di trasporto e di mobilità europea definiti nel Libro bianco sui trasporti del 2011, potrebbero essere particolarmente adatte per questa call.

SMEInst-11-2016-2017 Accrescere il potenziale delle piccole imprese nelle aree di azione per il clima, l’ambiente, l’efficienza delle risorse e materie prime

Le PMI innovative sono state riconosciute come in grado di diventare il motore della green economy e di facilitare la transizione verso un’economia efficiente e circolare delle risorse. Esse possono svolgere un ruolo importante per aiutare l’UE a uscire dalla crisi economica e nella creazione di posti di lavoro. Il potenziale di commercializzazione di soluzioni innovative da parte delle PMI è tuttavia ostacolato da diverse barriere, tra cui la difficoltà di accedere a capitale di rischio, la mancanza di prototipi, studi di scale-up insufficienti, etc. La crescita deve quindi essere stimolata aumentando i livelli di innovazione nelle PMI, che coprano le diverse esigenze di innovazione su tutto il ciclo dell’innovazione.

Le PMI innovative dovrebbero essere sostenute e guidate per raggiungere e accelerare il loro pieno potenziale di crescita verde. Questo topic è rivolto a tutti i tipi di PMI eco-innovative di tutti i settori concernenti le azioni per il clima, l’ambiente, l’efficienza delle risorse e materie prime, concentrandosi sulle PMI in grado di mostrare una forte ambizione di svilupparsi, crescere e internazionalizzarsi. Sono ammissibili tutti i tipi di idee promettenti, prodotti, processi, servizi e modelli di business, in particolare in tutti i settori e discipline, per la commercializzazione sia in un business-to-business (B2B) e contesto business-to-customer (B2C).

SMEInst-12-2016-2017 Nuovi modelli di business per società inclusive, innovative e riflessive

Le PMI, incluse le imprese sociali e gli attori culturali, possono costruire la loro crescita sull’innovazione del modello di business, prendendo in considerazione nuove opportunità che sorgono dalla “servitization”, dall’empowerment personale, da un’economia più incentrata sulla collaborazione, dall’apertura di servizi e informazioni governative e dall’uso pervasivo di nuove tecnologie. Un cambio del paradigma da possesso ad accesso, da consumo individuale a funzionalità condivise può essere applicato in alcuni settori beneficiando delle tecnologie digitali ed assicurando più stili di vita sostenibili ai cittadini europei in particolare nei centri urbani. Uno spostamento simile sta avvenendo nella relazione tra governo, cittadini e mercati, dove gli attori sociali acquisiscono un ruolo più proattivo nella progettazione e fornitura di servizi pubblici. Una delle sfide principali è di attrarre business per usare piattaforme pubbliche al fine di creare più valore in quanto i modelli di business correnti non sfruttando adeguatamente i benefici della partecipazione e collaborazione con lo Stato. Nuovi modi di creare, produrre, consumare, usare, educare, apprendere, aver cura, spostarsi e vivere stanno emergendo nelle città europee. Nuove vie per sfruttare eredità culturali tangibili e intangibili sono state rese possibili. Nuove modalità di creazione di servizi pubblici innovativi, usando dati pubblici e servizi pubblici aperti, fornisce opportunità di nuovi business.

Le PMI, sviluppando e adattando i nuovi modelli di business giocano un ruolo chiave in queste trasformazioni.

La sfida specifica individuata da questo tema è di attivare le PMI sia in nuovi settori che nei tradizionali, nei settori creativi e nelle economie collaborative, rispetto alle eredità culturali e nelle economie sociali, così come nella creazione collaborativa di servizi pubblici, per innovare e crescere oltrepassando vincoli tradizionali, attraverso nuovi modelli di business e cambiamenti organizzativi.

SMEInst-13-2016-2017 Coinvolgere le PMI in attività di Ricerca e Sviluppo nel settore sicurezza

Coinvolgere le PMI in attività di innovazione nel settore della sicurezza, in particolare quelle tradizionalmente non coinvolte in esso, e ridurre il più possibile le barriere di accesso ai finanziamenti di Horizon 2020.

Le azioni di cui al presente argomento dovrebbero riguardare qualsiasi aspetto del Specific Programme per “secure societies – protecting freedom and security of Europe and its citizens” (Horizon 2020 Framework programme and Specific programme):

7.1. Lotta contro la criminalità, il traffico illegale e il terrorismo, tra cui lo studio e la lotta contro le idee terroristiche e il fondamentalismo

7.2. Tutela e miglioramento delle infrastrutture critiche, delle catene di approvvigionamento e delle modalità di trasporto

7.3. Rafforzare la sicurezza attraverso la gestione delle frontiere

7.4. Migliorare la sicurezza informatica

7.5. Aumentare la resilienza dell’Europa nel contrasto alle crisi e alle catastrofi

7.6. Garantire la privacy e la libertà, anche in Internet, e migliorare la comprensione sociale giuridica ed etica di tutti i settori della sicurezza, dei rischi e della gestione

7.7. Migliorare la standardizzazione e l’interoperabilità dei sistemi, anche a fini di emergenza

7.8. Sostenere le politiche di sicurezza esterne all’Unione, anche attraverso la prevenzione dei conflitti e costruzione della pace

DURATA
Tra i 12 e i 24 mesi

DOTAZIONE
Le risorse disponibili ammontano a 353,75 Milioni € per il 2016 e 386,26 Milioni € per il 2017.
TERMINI
Apertura: 26 novembre 2015
Scadenze per la presentazione:

  • 03 febbraio 2016 ore 17:00
  • 14 aprile 2016 ore 17:00
  • 15 giugno 2016 ore 17:00
  • 13 ottobre 2016 ore 17:00
  • 18 gennaio 2017 ore 17:00
  • 06 aprile 2017 ore 17:00
  • 01 giugno 2017 ore 17:00
  • 18 ottobre 2017 ore 17:00

PROCEDURA
Deve essere presentato un progetto, seguendo il template fornito dal Participant Portal, per una lunghezza massima di circa 30 pagine.