LAZIO – POR FESR 2014-2020 Bando Aerospazio e Sicurezza (scaduto)

banner_lazio_fesr_2015_completo

 

bando apertoPOR FESR 2014-2020 Riposizionamento Competitivo – Fase II – Avviso n. 3
Bando Aerospazio e Sicurezza
Tipologia:
bando

 

OGGETTO

L’Avviso mira a favorire la riqualificazione settoriale, lo sviluppo delle filiere e a rafforzare la competitività del tessuto produttivo laziale, in coerenza con le aree di specializzazione della Smart Specialisation Strategy (S3) regionale, Aerospazio, Sicurezza, Green Economy e Agrifood, attraverso il sostegno di Progetti Imprenditoriali realizzati da imprese singole e associate.

Gli ambiti nei quali dovranno essere conseguiti risultati significativi, con conseguente impulso e crescita delle filiere collegate alle aree di specializzazione intelligente suddette e, dunque, al riposizionamento dell’intero comparto anche rispetto ai mercati internazionali, sono:

  1. Aerospazio. Sviluppo della conoscenza e delle innovazioni di prodotto e di processo afferenti le tematiche incluse nella S3 (AdS Aerospazio e in parte AdS Green Economy e AdS Agrifood) e riguardanti, in particolare:
    1. nano e micro satelliti, piattaforme satellitari multifunzionali e sistemi di comunicazione satellitare a supporto dell’infrastruttura terrestre;
    2. sistemi cloud e di telecomunicazione avanzati satellite-based (SDN – Software Defined Networking)
    3. componentistica spaziale, con riferimento a nuovi materiali e/o nuovi componenti elettronici, ottici, elettromeccanici, digitali e di sottosistemi avanzati di bordo e di terra;
    4. circuiti integrati per applicazioni satellitari GaAS ovvero dispositivi su GAN;
    5. integrazione di sottosistemi di microsatelliti;
    6. sperimentazione di sensori miniaturizzati per formazioni di nano-microsatelliti e per il controllo orbitale e lo sviluppo del servizio di In-Orbit Demonstration/Validation (IOD/IOV);
    7. data analysis service and applications development;
    8. sistemistica avionica;
    9. sistemi di propulsione;
    10. tecniche di manufacturing basate su ALM (Additive Layer Manifacturing);
    11. decostruzione e riciclaggio/recupero dei componenti.
  2. Sicurezza. Sviluppo e adozione di soluzioni innovative di prodotto e di processo afferenti le tematiche incluse nella S3 (AdS Sicurezza e in parte AdS Agrifood) con riferimento alla sicurezza alimentare, disaster resilience, fight against crime and terrorism, border security and external security, digital security, space and Public Regulated Service (PRS) e relative, in particolare a :
    1. food and product safety;
    2. gestione del Rischio e alla Cyber Protection delle Infrastrutture Critiche;
    3. Cyber crime;
    4. Cyber defense;
    5. gestione delle informazioni per la prevenzione del terrorismo;
    6. sistemistica in materia di sicurezza.

I Progetti imprenditoriali ammissibili devono rientrare in una delle 2 tipologie di seguito indicate:

      • Progetti Semplici: progetti imprenditoriali composti da un piano di investimento materiale e immateriale, a cui si applica la procedura “a sportello”
      • Progetti Integrati: progetti imprenditoriali che possono essere composti da una o più attività ricerca a sviluppo industriale, da un piano di investimenti materiali e immateriali, anche frutto dei risultati di una preesistente attività di ricerca, e prevedere spese per consulenze strumentali alla realizzazione del progetto imprenditoriale, a cui si applica la procedura “a graduatoria”

 

soggetti ammessiSOGGETTI AMMESSI

      • Progetti Semplici

Possono essere presentati da PMI e Liberi Professionisti che rientrano nei parametri dimensionali di PMI, esclusivamente in forma singola.

      • Progetti Integrati

Possono essere presentati da:

      1. Imprese (comprese le Aggregazioni Stabili) e Liberi Professionisti, in forma singola;
      2. Imprese e Liberi Professionisti, in accordo ed in effettiva collaborazione con un Organismo di Ricerca e Diffusione della Conoscenza;
      3. Aggregazioni Temporanee, con eventuale presenza di Organismi di Ricerca e di Diffusione della Conoscenza. Le Aggregazioni Temporanee devono comprendere almeno 2 Imprese e non più di 6 soggetti e possono essere già costituite al momento della domanda ovvero da costituire.

 

DURATA

      • Progetti Semplici
        Devono essere realizzati entro 12 mesi dalla data di Concessione dell’agevolazione
      • Progetti Integrati
        Devono essere realizzati entro 18 mesi dalla data di Concessione dell’agevolazione

 

PROGRAMMI E SPESE AMMISSIBILI

      • Progetti Semplici
        Possono presentare un importo complessivo di spese ammissibili non inferiore a 50 Mila € e non superiore a 500 Mila €.
        I Progetti Semplici devono prevedere un piano di investimento materiale e immateriale.
      • Progetti Integrati
        Possono presentare un importo complessivo di spese ammissibili non inferiore a 500 Mila €, oppure, se composti da sole Attività RSI, un importo complessivo di spese ammissibili non inferiore 200 Mila €.
        I Progetti Integrati possono essere composti da:
      • una o più attività RSI;
      • un piano di investimenti materiali e immateriali, anche frutto dei risultati di una preesistente attività di ricerca;
      • spese per consulenze strumentali alla realizzazione del progetto.

I Progetti imprenditoriali, sia semplici che integrati, devono rispettare i seguenti limiti:

      1. Nell’ambito di un progetto imprenditoriale, le spese per Consulenze Strumentali non possono superare il 50% del valore complessivo.
      2. nell’ambito di un progetto imprenditoriale che comprenda una o più attività di RSI, queste ultime devono rappresentare, anche cumulativamente, almeno il 30% del valore complessivo del progetto;
      3. nell’ambito di un progetto che comprenda una o più attività di RSI, le spese di personale dipendente (o assunto con contratti equivalenti) sono ammissibili entro il limite massimo del 50% del totale delle attività RSI. Entro tale limite potranno essere riconosciuti eventuali costi relativi a personale dipendente o equiparato, impiegato in sedi operative fuori dal territorio della regione Lazio, per un importo pari al massimo del 20% di detti costi.

Le spese ammissibili sono quelle riportate al Capitolo 4 del Disciplinare di partecipazione agli Avvisi, limitatamente a quelle coerenti con i piani di investimento o attività previsti dall’Avviso.

DOTAZIONE

La dotazione dell’Avviso ammonta a 7.920 Milioni €.

 

contributoCONTRIBUTO

La Sovvenzione è concessa ai sensi del RGE o del “De Minimis”, applicando le intensità dell’aiuto rispetto alle spese ammissibili, in base alle percentuali rappresentate nella tabella che segue:

tabella_avviso3

 

TERMINI E PROCEDURE

Le richieste di accesso all’agevolazione possono essere presentate esclusivamente per via telematica compilando il Formulario disponibile on-line nella piattaforma GeCoWEB accessibile dal sito www.lazioinnova.it nella pagina dedicata, seguendo la procedura di seguito indicata.

      • Progetti Semplici
        Procedura “a sportello” che prevede la verifica di ammissibilità in ordine di arrivo delle richieste a partire dal giorno di apertura dello stesso.
        I Richiedenti possono presentare richieste a partire a partire dalle ore 12:00 del 15 dicembre 2016 fino alle ore 12:00 del 16 febbraio 2017 ovvero fino ad esaurimento delle risorse.
      • Progetti Integrati
        Procedura “a graduatoria” che prevede una valutazione dei progetti dopo la chiusura del termine di presentazione delle richieste.
        I Richiedenti possono presentare richieste a partire a partire dalle ore 12:00 del 13 dicembre 2016 e fino alle ore 12:00 del 31 gennaio 2017.

[poppy type=”button” class=”btn-info”]Ha trovato questo articolo di suo interesse e desidera maggiori informazioni?[/poppy]

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva