LAZIO – POR FESR 2014-2020 Bando Kets (scaduto)

banner_lazio_fesr_2015_completo

 

bando apertoPOR FESR 2014-2020 Riposizionamento Competitivo – Fase II – Avviso n. 4

KETs – Tecnologie abilitanti sostegno al riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali locali
Tipologia:
bando

 

OGGETTO

L’Avviso mira a favorire la riqualificazione settoriale, lo sviluppo delle filiere e il rafforzamento della competitività del tessuto produttivo laziale, favorendo l’applicazione delle tecnologie abilitanti (Key Enabling Technologies – KETs) identificate dalla Commissione Europea quali driver di sviluppo industriale sostenibile ed intelligente, ossia:

  • Biotecnologie;
  • Micro e Nanoelettronica;
  • Fotonica;
  • Nanotecnologie;
  • Materiali avanzati;
  • Sistemi di fabbricazione avanzati (AMS-Advanced Manufacturing System).

Il sostegno riguarderà l’applicazione delle KETs in tutte le aree di specializzazione della Smart Specialisation Strategy (S3) regionale, Aerospazio, Scienze della vita, Beni culturali e tecnologie per il patrimonio culturale, Industrie creative digitali, Agrifood e Green economy e Sicurezza e avverrà attraverso il finanziamento di Progetti Imprenditoriali che abbiano ricadute significative sugli ambiti strategici individuati tramite la Call for Proposal “Sostegno al riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali- Sistemi di fabbricazione avanzati (AMS-Advanced Manufacturing System).

soggetti ammessiSOGGETTI AMMESSI
I Progetti Integrati Possono essere presentati da:

      1. Imprese (anche GI) (comprese le Aggregazioni Stabili) e Liberi Professionisti, in forma singola;
      2. Imprese (anche GI) e Liberi Professionisti, in accordo ed in effettiva collaborazione con un Organismo di Ricerca e Diffusione della Conoscenza;
      3. Aggregazioni Temporanee, con eventuale presenza di Organismi di Ricerca e di Diffusione della Conoscenza. Le Aggregazioni Temporanee devono comprendere almeno 2 Imprese e non più di 6 soggetti e possono essere già costituite al momento della domanda ovvero da costituire.

 

DURATA
I progetti devono essere realizzati entro 18 mesi dalla data di Concessione dell’agevolazione
PROGRAMMI E SPESE AMMISSIBILI
I Progetti Integrati devono presentare un importo complessivo di spese ammissibili non inferiore a 200 Mila €.     Contributo massimo 3 Milioni di €.
I Progetti Integrati possono essere composti da:

  • una o più attività RSI in misura minima pari al 70% del valore complessivo del Progetto Imprenditoriale (le GI ricevono contributi solamente per tale categoria di spesa);
  • un piano di investimenti materiali e immateriali, anche frutto dei risultati di una preesistente attività di ricerca;
  • investimenti in Efficienza Energetica
  • spese per consulenze strumentali alla realizzazione del progetto.

I Progetti imprenditoriali, sia semplici che integrati, devono rispettare i seguenti limiti:

  1. Nell’ambito di un progetto imprenditoriale, le Attività di RSI devono rappresentare, anche cumulativamente, almeno il 70% del valore complessivo del Progetto Imprenditoriale.
  2. conseguentemente, gli altri Piani di Investimento/Attività e/o le Spese per Consulenze Strumentali non possono superare, anche cumulativamente, il 30% del valore complessivo del Progetto Imprenditoriale;
  3. le spese di personale dipendente (o assunto con contratti equivalenti) sono ammissibili entro il limite massimo del 50% del totale delle attività RSI. Entro tale limite potranno essere riconosciuti eventuali costi relativi a personale dipendente o equiparato, impiegato in sedi operative fuori dal territorio della regione Lazio, per un importo pari al massimo del 20% di detti costi.

Le spese ammissibili sono quelle riportate al Capitolo 4 del Disciplinare di partecipazione agli Avvisi, limitatamente a quelle coerenti con i piani di investimento o attività previsti dall’Avviso, con modifica e integrazione  avvenuta con Determina Dirigenziale G15468

DOTAZIONE

La dotazione dell’Avviso ammonta a 9.240 Milioni €.

 

contributoCONTRIBUTO

La Sovvenzione è concessa ai sensi del RGE o del “De Minimis”, applicando le intensità dell’aiuto rispetto alle spese ammissibili, in base alle percentuali rappresentate nella tabella che segue:

tabella_avviso4

 

TERMINI E PROCEDURE

Procedura “a graduatoria” che prevede una valutazione dei progetti dopo la chiusura del termine di presentazione delle richieste.
I Richiedenti possono presentare richieste a partire a partire dalle ore 12:00 del 10 gennaio 2017 e fino alle ore 12:00 del 14 febbraio 2017.

[poppy type=”button” class=”btn-info”]Ha trovato questo articolo di suo interesse e desidera maggiori informazioni?[/poppy]

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva