LAZIO: progetti di innovazione delle Micro e Piccole Imprese (scaduto)

bando chiuso POR-FESR 2007-2013 – Avviso pubblico per la presentazione di progetti di innovazione delle micro e piccole imprese

TIPOLOGIA: sportello

OGGETTO
L’intervento è rivolto alle imprese che vogliano realizzare attività ad alto contenuto innovativo, attraverso progetti di:A) Innovazione di prodotto intesa come introduzione sul mercato di un bene o di un servizio totalmente nuovo o significativamente migliorato rispetto alle sue
caratteristiche o usi progettati;
B) Innovazione di processo intesa come esecuzione di un nuovo o significativamente migliorato metodo di produzione elo di consegna;
C) Innovazione organizzativa intesa come nuovo metodo organizzativo nelle pratiche di affari dell’impresa;
D) Innovazione di marketing intesa come esecuzione di un nuovo metodo di vendita che coinvolge significativi cambiamenti nel design e packaging del prodotto, nella sua promozione ed estensione delle attività anche a livello transazionale;
E) Investimenti materiali (acquisizione di innovativi impianti, macchinari e strumentazioni prioritariamente funzionali all’attuazione dei progetti di cui ai
precedenti sub A), B), C) e D);
F) Investimenti immateriali (acquisizione di brevetti, software, licenze, etc.) prioritariamente funzionali all’attuazione dei progetti di cui ai precedenti sub A), B), C) e D).
SOGGETTI AMMESSI
Sono ammesse Micro e Piccole Imprese di produzione e/o servizi alla produzione costituite da almeno 6 mesi e aventi una sede operativa nella Regione Lazio.

SOGGETTI NON AMMESSI
Sono escluse dalle agevolazioni tutte le imprese operanti nei seguenti settori:

A – Agricoltura, Silvicoltura e Pesca;
G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli
H – Trasporto e magazzinaggio (limitatamente ai codici 49.32 – 49.39 – 49.42 –
52.21 – 53)
I – Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
K – Attività finanziarie e assicurative
L – Attività immobiliari
N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese
O – Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria
p – Istruzione
T – Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico;
produzione di beni e servizi indifferenziati per uso proprio da parte di famiglie
e convivenze
U – Organizzazioni ed organismi extraterritoriali

Non sono inoltre ammissibili progetti d’investimento riguardanti le attività economiche relative ai settori della siderurgia, della cantieristica navale, dell’industria carboniera, delle fibre sintetiche.

DURATA
Il programma deve concludersi entro 12 mesi dalla data di avvio formale del progetto.

SPESE AMMISSIBILI
Le spese ammissibili per i progetti di tipo A) e B) debbono riferirsi a:

  • costi per l’acquisizione di brevetti e/o licenze, regolarmente fatturati (alle normali condizioni di mercato), da soggetti esterni e indipendenti dalla società proponente;
  • costi delle competenze tecniche, acquisite da fonti esterne e indipendenti dalla società proponente, a prezzi di mercato, così come i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell’attività di ricerca;
  • costi per l’acquisto di materie prime, semilavorati, prodotti finiti e materiale di consumo, funzionali al progetto, regolarmente fatturati alle normali condizioni di mercato da soggetti esterni e indipendenti dalla società proponente.
  • investimenti materiali in macchinari e attrezzature nuove di fabbrica regolarmente fatturati alle normali condizioni di mercato da soggetti esterni e indipendenti dalla società proponente, giudicati indispensabili alla realizzazione del programma, per la quota di ammortamento relativa al periodo di utilizzo nell’ambito progetto, nei limiti delle aliquote previste dalle normative fiscali vigenti;
  • spese di personale dipendente o assunto con forme contrattuali equivalenti (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario) nella misura in cui essi sono impiegati nel progetto e comunque entro il limite del 50% dell’importo complessivo del progetto;
  • spese generali, nel limite massimo del 10% dell’investimento ammesso.

Le spese ammissibili per i progetti di tipo C) e D) debbono riferirsi a:

  • costi per consulenze specialistiche (interventi di assistenza all’impresa nella predisposizione e nella realizzazione del progetto), regolarmente fatturati alle normali condizioni di mercato da soggetti esterni e indipendenti dalla società proponente;
  • costi per l’acquisizione di brevetti eIa licenze, regolarmente fatturati alle normali condizioni di mercato da soggetti esterni e indipendenti dalla società proponente, detentori di diritti registrati presso uffici brevetti e relativi a materie attinenti al progetto presentato;
  • spese di personale dipendente o assunto con forme contrattuali equivalenti (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario) nella misura in cui essi sono impiegati nel progetto e comunque entro il limite del 50% dell’importo complessivo del progetto;
  • spese generali, nel limite massimo del 10% dell’investimento ammesso.

Le spese ammissibili per i progetti di tipo E) debbono riferirsi a:

  • costi per l’acquisizione degli investimenti materiali, come sopra definiti, nuovi di fabbrica, regolarmente installati e operativi all’interno dell’impresa, fatturati alle normali condizioni di mercato da soggetti esterni, indipendenti dalla società richiedente.

Le spese ammissibili per i progetti di tipo F) debbono riferirsi a:

  • costi per l’acquisizione degli investimenti immateriali, corne sopra definiti, regolarmente introdotti e resi operativi all’interno dell’impresa, fatturati alle normali condizioni di mercato da soggetti esterni, indipendenti dalla società richiedente.
FINANZIAMENTO
La dotazione finanziaria dello sportello e’ di 30 milioni €
Il limite massimo del predetto aiuto sarà pari al:
– 70% dell’investimento ritenuto congruo ed ammissibile relativamente ai progetti di cui ai precedenti sub A), B), C), D) F);
– 50% dell’investimento ritenuto congruo ed ammissibile relativamente ai progetti di cui al precedente sub E);

L’aiuto sara’ comunque sarà comunque contenuto, in valore assoluto, entro  massimali, in relazione alla media ponderata della base imponibile ai fini IRAP, che vanno dai 15.000 ai 70.000 €.

TERMINI
Lo sportello è aperto dal 8 ottobre 2011 al 30 giugno 2013 salvo esaurimento fondi.
PROCEDURA
Il soggetto proponente deve trasmettere la proposta progettuale esclusivamente in via telematica alla FILAS S.p.A., soggetto attuatore. La presentazione del formulario assicura l’ottenimento di un numero cronologico di protocollo Per il perfezionamento della richiesta occorre, inoltre compilare il modulo di domanda, che deve essere sottoscritto in originale dal Legale Rappresentante e spedito, tramite raccomandata a/r, entro 10 giorni dalla trasmissione on-line del formulario alla FILAS S.p.A.
 [attachments size=custom label=doctitle logged_users=1 docid=”2634″]