MiSE – PON – Macchinari Innovativi


informazioni

Ministero dello Sviluppo Economico – Programma PON Imprese e Competitività – NUOVI MACCHINARI INNOVATIVI

 TIPOLOGIA: procedura a sportello

 

oggetto

Il Decreto Ministeriale 9 marzo 2018 ha l’obiettivo di sostenere la realizzazione di programmi di investimento innovativi nelle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) che, in coerenza con il piano nazionale “Impresa 4.0” e la Strategia nazionale di specializzazione intelligente, consentano l’interconnessione tra componenti fisiche e digitali del processo produttivo, innalzando il livello di efficienza e di flessibilità nello svolgimento dell’attività economica, con conseguente riduzione dei costi o incremento del livello qualitativo dei prodotti.

Sono considerati ammissibili i programmi di investimento che, in misura prevalente, si caratterizzano per l’acquisizione dei sistemi e delle tecnologie riconducibili all’area tematica “Fabbrica intelligente” della Strategia nazionale di specializzazione intelligente.

I programmi di investimento devono essere diretti alla realizzazione di una nuova unità produttiva ovvero all’ampliamento della capacità, alla diversificazione della produzione funzionale a ottenere prodotti mai fabbricati in precedenza o al cambiamento fondamentale del processo di produzione di un’unità produttiva esistente.

L’unità produttiva deve essere nella disponibilità del soggetto proponente:

  1. alla data di presentazione della domanda di agevolazioni, per i programmi diretti all’ampliamento, alla diversificazione o al cambiamento fondamentale del processo di produzione di un’unità produttiva esistente, fatta eccezione per quanto previsto in relazione alle imprese non residenti nel territorio italiano;
  2. alla data di presentazione della prima richiesta di erogazione delle agevolazioni, entro 120 giorni dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni, per i programmi diretti alla realizzazione di una nuova unità produttiva;
  3. per un periodo non inferiore ai 12 mesi precedenti la presentazione della domanda di agevolazioni, per i programmi diretti al cambiamento fondamentale del processo di produzione di un’unità produttiva esistente riconducibili alla linea di intervento LI 2 “Tecnologie per un manifatturiero sostenibile”.

L’unità produttiva oggetto del programma di investimento si intende nella disponibilità del soggetto proponente:

  1. nel caso di PMI, qualora risulti iscritta presso il competente Registro delle imprese come risultante dal certificato camerale dell’impresa;
  2. nel caso di liberi professionisti, qualora risulti dalla comunicazione trasmessa all’Agenzia delle entrate.

soggetti ammessi

SOGGETTI AMMESSI

Possono beneficiare delle agevolazioni le PMI e i liberi professionisti iscritti agli ordini professionali o aderenti alle associazioni che, nei 2 anni precedenti la presentazione della domanda, non abbiano effettuato una delocalizzazione verso l’unità produttiva oggetto delle agevolazioni e che non procedano alla delocalizzazione nei 2 anni successivi al completamento dell’investimento stesso.

I soggetti proponenti possono presentare, a valere su ciascuna delle dotazioni finanziarie previste di cui alla sezione DOTAZIONE, punti 1 e 2, ovvero, in alternativa, punto 3, un’unica domanda di agevolazione.

DURATA

I programmi di investimento devono prevedere una durata non superiore a 12 mesi dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni, fermo restando la possibilità da parte del Ministero di concedere, su richiesta motivata dell’impresa beneficiaria, una proroga non superiore a 6 mesi.

spese

SPESE AMMISSIBILI

I programmi di investimento devono prevedere spese di min. 500.000 € e max 3.000.000 €.

Le spese ammissibili sono quelle relative all’acquisto di nuove immobilizzazioni materiali e immateriali, che riguardino macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento, nonché programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei predetti beni materiali.

dotazioneDOTAZIONE

Le risorse finanziarie disponibili per la concessione degli aiuti ammontano a 341.494.000 €, di cui:

  1. 119.205.333,33 € a valere sul Programma complementare di azione e coesione “Imprese e competitività” 2014-2020;
  2. 169.194.666,67 € a valere sull’Asse III, Azione 3.1.1 del Programma operativo nazionale “Imprese e competitività” 2014-2020 FESR;
  3. 53.094.000 € a valere sull’Asse IV, Azione 4.2.1 del Programma operativo nazionale “Imprese e competitività” 2014-2020 FESR, esclusivamente per la realizzazione dei programmi di investimento diretti al cambiamento fondamentale del processo di produzione di un’unità produttiva esistente riconducibili alla linea di intervento LI 2 “Tecnologie per un manifatturiero sostenibile”.

Una quota pari al 25% delle risorse di cui al punto 1 è riservata ai programmi proposti da micro e piccole imprese.

CONTRIBUTO

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti e del finanziamento agevolato pari al 75% delle spese ammesse, come indicato di seguito:

  1. Micro e piccole imprese:
    • contributo in conto impianti 35%;
    • finanziamento agevolato pari al 40%;
  2. Medie imprese:
    • contributo in conto impianti 25%;
    • finanziamento agevolato pari al 50%.

TterminiERMINI

Accesso alla procedura informatica: a partire dalle ore 10.00 del 9 gennaio 2019

Compilazione della domanda: a partire dalle ore 10.00 del 15 gennaio 2019.

Invio della domanda: dalle ore 10 del 29 gennaio 2019, e dalle ore 10.00 alle ore 17.00 di tutti i seguenti giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì, in via esclusivamente telematica presso il sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

Chiusura: Le agevolazioni sono concesse nei limiti della dotazione finanziaria del DM 9 marzo 2018 e tenuto conto della riserva in favore dei programmi proposti da micro e piccole imprese. La chiusura dello sportello per la presentazione delle domande è disposta con provvedimento del Direttore generale per gli incentivi alle imprese e comunicata nel sito internet del Ministero e nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Le domande presentate nelle more della chiusura dello sportello che non trovano copertura finanziaria si considerano decadute.

Le domande di agevolazione sono ammesse alla fase istruttoria sulla base dell’ordine cronologico giornaliero di presentazione. Le domande presentate nello stesso giorno sono, a tal fine, considerate come pervenute nello stesso istante, indipendentemente dall’ora e dal minuto di presentazione.

Qualora le risorse finanziarie residue disponibili non consentano l’accoglimento integrale delle domande presentate nello stesso giorno, le domande stesse sono ammesse all’istruttoria in base alla posizione assunta nell’ambito di una specifica graduatoria di merito, in relazione ad una serie di indicatori economico-finanziari dell’impresa, fino a esaurimento di ciascuna delle singole dotazioni finanziarie.