MIUR – PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Regioni Convergenza (scaduto)

bando aperto DM 593/2000: Interventi di sostegno alla Ricerca Industriale – PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Regioni Convergenza

TIPOLOGIA: bando con procedura valutativa

OGGETTO

Invito alla presentazione di progetti di ricerca industriale nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Ricerca e Competitività 2007-2013” Regioni Convergenza.
Asse I – Sostegno ai mutamenti strutturali
Obiettivo Operativo: Aree scientifico-tecnologiche generatrici di processi di trasformazione del sistema produttivo e creatrici di nuovi settori
Azione: Interventi di sostegno della ricerca industriale

CARATTERISTICHE

  • Progetti di Ricerca Industriale con attività non preponderanti di Sviluppo Sperimentale (sotto il 50% del totale dei costi) e correlati progetti di formazione di ricercatori e/o tecnici di ricerca (con un costo tra il 5 e il 15% dei costi totali).
  • significativa dimensione finanziaria (costi totali tra i 5 e i 25M euro, costi per la singola impresa non superiori ai 10M euro)

I progetti possono essere inoltre presentati nella forma delle “Costellazione di progetti“. In questo caso, devono costituirsi in numero non inferiore a 3 progetti, identificati da un programma strategico per lo sviluppo di settori/filiere, prevedendo (pur nella propria autonomia progettuale) una serie di obiettivi sinergici, anche a carattere sovra-regionale; è necessaria in questo caso una partecipazione delle PMI alle attività per almeno il 35% dei costi di progetto.

Saranno concessi interventi anche per aziende di altre aree per importi fino al 25% del costo complessivo del progetto.

I progetti verteranno nei seguenti settori/ambiti:

  • ICT: Tecnologie ICT e applicazioni avanzate per il controllo, il monitoraggio e la gestione dei processi di produzione industriale e/o per lo sviluppo di servizi erogati al cittadino e alle imprese dalla Pubblica Amministrazione e/o per lo sviluppo delle reti di telecomunicazioni e/o piattaforme di calcolo ad alte prestazioni.
  • MATERIALI AVANZATI: Metodologie e tecnologie per la progettazione, la realizzazione e il controllo di materiali ad alto contenuto tecnologico, della funzionalizzazione superficiale dei materiali, nonché della funzionalizzazione di materiali massivi per applicazioni di impatto rilevante in differenti settori.
  • ENERGIA E RISPARMIO ENERGETICO: Sviluppo di tecnologie, prodotti e processi per le energie rinnovabili e/o per l’utilizzo razionale dell’energia e/o per l’efficienza energetica.
  • SALUTE DELL’UOMO E BIOTECNOLOGIE: Sviluppo di nuove tecnologie e prodotti in campo farmaceutico e/o biomedicale e/o di tecniche avanzate nella diagnosi e prognosi.
  • SISTEMA AGROALIMENTARE: Tecnologie e processi per la produzione, trasformazione, conservazione e commercializzazione dei prodotti del comparto agroalimentare, zootecnico e ittico, finalizzati anche al miglioramento della eco-compatibilità e/o della sicurezza delle produzioni alimentari.
  • AEROSPAZIO/AERONAUTICA: Sviluppo di tecnologie innovative per componenti, strutture e sistemi nel settore aerospaziale e/o per la realizzazione di sistemi complessi di monitoraggio, sorveglianza, assistenza e riparazione.
  • BENI CULTURALI: Tecniche e tecnologie per la tutela, valorizzazione e fruizione dei beni culturali.
  • TRASPORTI E LOGISTICA AVANZATA: Sviluppo e messa a punto di sistemi e tecnologie per la realizzazione di vettori di trasporto e per il miglioramento della logistica dei trasporti terrestri e navali e della mobilità delle persone e delle merci.
  • AMBIENTE E SICUREZZA: Tecnologie di analisi, monitoraggio e controllo per la tutela dell’ambiente e/o per il miglioramento della conservazione e utilizzazione dell’ambiente marino; sistemi integrati per la sicurezza, per il controllo, il monitoraggio e la gestione delle risorse ambientali, delle infrastrutture e per la gestione di emergenze e la sicurezza.

La durata massima dei progetti è di 36 mesi.

SOGGETTI AMMESSI

Soggetti secondo art. 5 DM 593/200:

GI e PMI (industriali, artigiane, trasporti), centri di ricerca, consorzi e societa’ consortili, parchi scientifici e tecnologici, che abbiano una stabile organizzazione in una delle Regioni Convergenza o che abbiano intenzione, tramite impegno formale in sede di presentazione del progetto, di predisporre una sede in quelle aree.

I soggetti possono presentare il progetto con Universita’, Enti di Ricerca e altri organismi di ricerca con l’impegno a costituirsi in forma associata. La partecipazione finanziaria delle imprese deve comunque essere superiore al 30% del costo complessivo.

SOGGETTI NON AMMESSI

Soggetti che non abbiano una sede stabile nelle Regioni Convergenza (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia).

RISORSE

Le risorse impegnate ammontano complessivamente a 465M Euro cosi’ ripartiti:

– Calabria 80M
– Campania 145M
– Puglia 150M
– Sicilia 90M

In caso di attivita’ svolte al di fuori delle regioni Convergenza, i costi saranno cofinanziati con risorse aggiuntive del FAR, pari a 100M euro (per importi fino al 25% del costo complessivo del progetto).

BENEFICI

Le agevolazioni verranno concesse nella forma del contributo alla spesa con i seguenti tassi:

– 50% dei costi riferibili ad attivita’ di ricerca industriale
– 25% dei costi riferibili ad attivita’ di sviluppo sperimentale

In presenza di maggiorazioni il contributo può raggiungere l’80% dei costi ammessi.
– 100% dei costi riferibili a progetti di formazione

MAGGIORAZIONI

Le intensita’ di aiuto verranno aumentate del 10% per le Medie Imprese e del 20% per le Piccole Imprese.

A concorrenza di un’intensità massima dell’80% in ESL, per il progetto di ricerca l’intensità d’aiuto è aumentata del 15%:

– se il progetto comporta la collaborazione effettiva fra almeno due soggetti (imprese industriali, artigiane, trasporti e centri di ricerca) indipendenti l’uno dall’altro. Sussiste tale collaborazione quando: i) nessuno dei soggetti indicati sostiene da solo più del 70% dei costi ammissibili del progetto; ii) il progetto prevede la collaborazione di almeno una PMI.
oppure
– se il progetto comporta un’effettiva collaborazione fra uno dei soggetti (imprese industriali, artigiane, trasporti, centri di ricerca, consorzi, società consortili, parchi tecnologici) e Università e/o Enti di ricerca e/o ENEA e/o ASI e/o altri organismi di ricerca e sussistano le seguenti condizioni: i) l’università, l’ente, o l’organismo di ricerca sostiene almeno il 10% dei costi ammissibili al progetto; ii) l’università, l’ente, o l’organismo di ricerca ha il diritto di pubblicare i risultati della attività di ricerca da esso svolta.

VALUTAZIONE

La procedura valutativa e’ articolata in due fasi. In una prima fase, il Comitato designato dal MIUR (art. 7 legge 297/1999) compilera’, con l’aiuto di un panel di esperti, una graduatoria da trasmettere al soggetto convenzionato e all’esperto scientifico designato (scelto tra gli esperti dell’Albo del MIUR) per la successiva istruttoria.

Nella seconda parte, tenendo conto dell’attivita’ istruttoria, verranno valutati i progetti selezionati precedentemente secondo una nuova griglia di criteri. Da questa griglia verra’ elaborata la graduatoria finale, da trasmettere al MIUR.

TERMINI

apertura dello sportello telematico: 10 febbraio 2010
chiusura: 9 aprile 2010

PROCEDURA

Modulo di domanda + allegati presentati attraverso lo sportello telematico Sirio del Cilea e inviati in forma cartacea al MIUR.

DM PON “Ricerca e Competitività 2007-2013” – Regioni Convergenza
DM 593/2000
DL 297/1999