Legge 46/82 FIT: PON aree obiettivo Convergenza (scaduto)

bando aperto Legge 46/82 FIT: PON per aree obiettivo Convergenza

TIPOLOGIA: sportello (*)

(*) Si tratta di uno sportello aperto fino ad esaurimento risorse, e’ pertanto indispensabile, per chi volesse presentare domanda (comunque ammissibile, purche’ ne abbia i requisiti), trasmettere il progetto il primo giorno utile per non incorrere nel pericolo di essere escluso per esaurimento fondi.

SCADUTO

OGGETTO

Apertura dello sportello FIT con i fondi PON ricerca e competitivita’, nelle aree dell’obiettivo Convergenza (Campania, Calabria, Puglia e Sicilia)

Agevolazioni a favore di programmi di sviluppo sperimentale, comprendenti eventualmente anche attivita’ non preponderanti di ricerca industriale, riguardanti innovazioni di prodotto e/o di processo e riferiti a unita’ produttive ubicate nei territori dell’obiettivo Convergenza, per i quali almeno il 75% dei costi riconosciuti ammissibili sia sostenuto nell’ambito delle medesime unita’ produttive.

Asse 1 (tematico)

Settori tecnologici:
1) energia da fonti rinnovabili: sviluppo di impianti e relativi componenti, innovativi e/o a piu’ basso costo, per la produzione di energia da fonti rinnovabili;
2) efficienza energetica: sviluppo di tecnologie, di componenti e di prodotti innovativi per il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici e per il risparmio energetico;
3) nanotecnologie: sviluppo di soluzioni nanotecnologiche da parte delle imprese appartenenti a tutti i settori potenzialmente utilizzatori;
4) ICT: sviluppo di soluzioni di integrazione sistemica tra produttori di tecnologie dell’informazione della comunicazione e produttori di materiali, in particolare di quelli innovativi.

Asse 2 (generalista)

Settori Tecnologici:
1) tutti i settori tecnologici con l’esclusione di quelli di cui all’Asse 1.

SOGGETTI AMMESSI

I soggetti indicati alle lettere a), b), c), d) dell’articolo 3 comma 1 della Direttiva 10 luglio 2008, che abbiano unità produttive ubicate nelle aree dell’obiettivo Convergenza (Campania, Calabria, Puglia e Sicilia):

a) le imprese che esercitano le attivita’ di cui all’art. 2195 del codice civile, numeri 1) e 3);
b) le imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attivita’ industriale;
c) le imprese artigiane di produzione di beni di cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443;
d) centri di ricerca con personalita’ giuridica autonoma;

Possono beneficiare degli interventi i consorzi e le societa’ consortili costituiti dai soggetti  elencati nei punti precedenti a condizione che la loro partecipazione sia superiore al 30 per cento dell’ammontare del fondo consortile ovvero del capitale sociale.

RISORSE

Le risorse disponibili sono pari a 200 milioni di Euro, di cui:

a) 100 milioni di euro a valere sulle risorse dell’Asse 1 del PON Ricerca e Competitivita’ 2007-2013 e destinate ai programmi riferiti ai settori energia da fonti rinnovabili, efficienza energetica, nanotecnologie e ICT (specificati in precedenza);
b) 100 milioni di euro a valere sulle risorse dell’Asse 2 del medesimo PON Ricerca e Competitivita’ 2007-2013, destinate ai programmi riferiti agli altri settori tecnologici.

FINANZIAMENTO
Verranno finanziati progetti con costi non inferiori a 1.000.000 €.
I costi imputabili al programma sostenuti in unita’ produttive non ubicate nei territori delle regioni dell’obiettivo Convergenza non sono ritenuti agevolabili.

Il finanziamento agevolato (attualmente il tasso è 0,49% annuo) è pari al 50% dei costi riconosciuti ammissibili, con una durata massima di 8 anni oltre un periodo di preammortamento commisurato alla durata del programma e comunque non superiore ai 4 anni a decorrere dalla data di emanazione del decreto di concessione

E’ inoltre concesso un contributo alla spesa in misura pari al 20% dei costi riconosciuti ammissibili.
In aggiunta a questa quota di fondo perduto può essere concessa una maggiorazione

  • 20% dei costi riconosciuti ammissibili per i programmi svolti dalle piccole imprese

oppure

  • 10% per i programmi svolti dalle medie imprese.

Per gli organismi di ricerca, la maggiorazione e’ riconosciuta nella misura del 20% dei costi riconosciuti ammissibili.
(Direttiva MSE 10 luglio 2008, art.4)

Le agevolazioni verranno concesse nei limiti delle disponibilità finanziarie. Ad avvenuto esaurimento delle risorse lo sportello verra’ chiuso.

TERMINI

Apertura sportello online: 14 dicembre 2009
Chiusura: 12 aprile 2010 (salvo chiusura anticipata per esaurimento fondi)

PROCEDURA

1. Compilazione della domanda attraverso il formulario online preposto.
2. Modulo di domanda + allegati da spedire via raccomandata a/r in data successiva alla chiusura della domanda on-line.

Direttiva MSE 10 luglio 2008

Decreto MSE 24 settembre 2009 – PON


per ulteriori informazioni: info@innovazionefinanza.com
I&F