PON 2007-2013 Miglioramento Competitivo (scaduto)

bando chiuso PON 2007-2013: Perseguimento di specifici obiettivi di innovazione, miglioramento competitivo e tutela ambientale (attività del settore alimentare, attività di fabbricazione di apparecchiature elettriche, attività di produzione di biotecnologie)

TIPOLOGIA: procedura a sportello

OGGETTO

Il bando è destinato a programmi riferiti a singole unità produttive ubicate nelle Regioni Convergenza: Campania, Calabria, Puglia, Sicilia.

I programmi ammessi devono essere finalizzati al perseguimento di specifici obiettivi di innovazione, miglioramento competitivo e tutela ambientale riguardanti una delle attività seguenti:

a) attività del settore alimentare c.10 (classificazione ATECO 2007) limitatamente alla produzione di prodotti da forno, prodotti surgelati, gelati e dolci, piatti pronti, paste alimentari, bevande analcoliche (ad esclusione di acque minerali), omogeneizzati e prodotti dietetici, alimenti per animali;
I programmi di investimento relativi a questo settore devono riguardare l’industrializzazione di innovazioni di prodotto, l’istallazione di sistemi di controllo/tracciabilità, il miglioramento dei sistemi di confezionamento/imballaggio e dei sistemi di distribuzione (logistica, trasporto, catena del freddo)

b) attività di fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche C.27 (classificazione ATECO 2007);
I programmi di investimento relativi a questo settore devono riguardarel’industrializzazione di innovazioni di prodotto finalizzate alla riduzione degli impatti ambientali e/o l’applicazione di innovazioni di processo;

c) attività di produzione di biotecnologie relative a:
– Processi biomedici e farmaceutici come l’individuazione di organismi in grado di sintetizzare farmaci o antibiotici o sviluppo di tecnologie di ingegneria genetica per la cura di patologie;
– Processi biotecnologici di interesse industriale come la costituzione di microrganismi in grado di produrre sostanze chimiche;
– Processi agricoli come la modificazione di organismi per renderli in grado di crescere in determinate condizioni ambientali o nutrizionali a minore impatto ambientale rispetto ai processi agricoli classici;
– Bioinformatica.
I programmi di investimento relativi a questo settore devono riguardare l’industrializzazione
di innovazioni di prodotto e/o l’applicazione di innovazioni di processo.

Sono esclusi i settori relativi alla Siderurgia, Cantieristica navale, Industria carbonifera, Fibre sintetiche, Trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli (per il dettaglio consultare l’allegato 1);

Sono ammissibili i programmi riguardanti le seguenti tipologie:

a) realizzazione di nuove unità produttive;
b) ampliamento di unità produttive esistenti;
c) diversificazione della produzione di un’unità produttiva in nuovi prodotti/servizi
aggiuntivi;
d) cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un’unità
produttiva esistente.

SOGGETTI AMMESSI

Possono beneficiare del contributo singole PMI e Grandi Imprese situate in una delle Regioni Convergenza.

SOGGETTI NON AMMESSI

Sono escluse dalle agevolazioni tutte le imprese non appartenenti alle zone Convergenza o che operino in settori differenti da quanto citato ai punti a), b), c) della sezione OGGETTO, o che abbiano realizzato il programma in più di una unità produttiva.

DURATA

I programmi devono svolgersi entro 36 mesi dal decreto di concessione dell’agevolazione e comunque non oltre il 30 giugno 2015.

SPESE AMMISSIBILI

L’importo complessivo delle spese ammissibili non può essere inferiore a 1,5 milioni € e non superiore a 25 milioni €.

Le spese devono riferirsi all’acquisto e alla realizzazione di:

– suolo aziendale e sue sistemazioni (nel limite del 10% dell’investimento complessivo);
– opere murarie e infrastrutture specifiche aziendali (nel limite massimo del 30% dell’investimento complessivo);
– macchinari, impianti, attrezzature varie nuovi di fabbrica, esclusi quelli relativi all’attività di rappresentanza;
– mezzi mobili esclusi i mezzi di trasporto targati;
– programmi informatici, brevetti, know-how e conoscenze tecniche non brevettate (per le GI spese ammissibili fino al 50%);
– consulenze connesse al programma di investimento (fino al 3% dell’investimento e solo per le PMI).

FINANZIAMENTO

Le risorse disponibili, a valare sul PON Ricerca e Competitività 2007-2013, sono pari a 100 milioni €, così distribuiti:

a) almeno il 60% delle risorse sono destinate a programmi presentati da PMI;
b) almeno il 20% delle risorse sono destinate a programmi sviluppati da imprese ubicate in un distretto produttivo , in collaborazione con alte imprese appartenenti allo stesso distretto oppure che abbiano sottoscritto, entro la data di presentazione della domanda, un contratto di rete.

Le agevolazioni sono concesse nella forma di finanziamento agevolato e contributo in conto impianti, o in contributo alla spesa per spese di consulenza e leasing.

Le intensità massime di aiuto sono cosi’ distribuite:

Piccole Imprese Medie Imprese Grandi Imprese
ESL
Agevolazione
ESL
Agevolazione
ESL
Agevolazione
50%
25%
40%
35%
30%
45%

VALUTAZIONE

Il soggetto gestore, responsabile anche degli adempimenti tecnici e amministrativi riguardanti l’istruttoria delle domande è Invitalia (Agenzia nazionale per l’Attrazione degli Investimenti e lo Sviluppo d’Impresa).

Invitalia effettua l’istruttoria secondo l’ordine cronologico di presentazione. Verificate le regolarità formali, Invitalia verifica la rispondenza del programma di investimento alle finalità degli interventi avvalendosi di un esperto esterno oppure per programmi di investimento con spese superiori a 5 milioni € ad un panel di 3 esperti esterni, scelti dal MSE tra quelli iscritti all’Albo.
L’istruttoria si conclude entro 120 giorni dal ricevimento della domanda.

TERMINI

apertura: a partire dal novantesimo giorno successivo alla pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale. (decreto pubblicato il 10.09.2010)
chiusura: ad esaurimento delle risorse finanziarie.

PROCEDURA

La procedura a sportello è regolamentata dal Decreto Legislativo 123 – 31 marzo 1998. Le imprese hanno diritto alle agevolazioni esclusivamente nei limiti delle disponibilità finanziarie.
La domanda deve essere compilata in via elettronica sul sito del MSE. La stampa degli allegati deve essere inoltrata a mezzo raccomandata A/R entro 7 giorni dalla chiusura della domanda elettronica, ad Invitalia.

[attachments orderby=”ID ASC” size=medium label=doctitle fields=none force_saveas=”0″ logged_users=”1″]